bann datagest17 gen19 728 90

CHI E' ROBERTO GENTILE

rgentile-bn.jpg

L'EDITORIALE DI...

      bann m e partners dic2018 160 124



T.O. DEL MESE

BOTTA & RISPOSTA

IPSE DIXIT

giopp ericafoto wtmErica Giopp è una Millennials e conosce il mandarino e i cinesi come pochi suoi coetanei. Dopo aver lavorato per anni con Voglia d’Italia Tour (viaggi in Italia per cinesi di fascia alta) si è messa in proprio e al WTM è stata invitata per una testimonianza in pubblico. Ecco il suo racconto:

“Camden Town London, la sveglia suona alle 6:30, caffè nel bicchierone, giù nel Tube, London ExCel è sulla Jubilee, WTM here we are, si aprono ufficialmente le danze e ce n’è per tutti: stand scintillanti più o meno innovativi; chi punta sui mega schermi, chi sulla realtà aumentata, chi sulle miss locali svestite tipicamente (evergreen), chi sul food and beverage (e non sbaglia mai). I panel si susseguono durante la giornata: molta realtà aumentata, molte Digital Tools ma altrettanti focus su Human Touch, Connections e Relationship. Gli speaker fanno il possibile per non abusare della parola “experience” e si concentrano sui “traveler’s feelings”. Un’intera area tematica dedicata al mercato asiatico, cinese in particolare, dove non si menziona l’ormai immancabile bollitore in camera,  ma si tratta di Wechat Miniprograms e come implementarli. Focus su donne in carriera e LGBT, molto partecipato il primo, più interessante il secondo. Really appreciated sono state la Puglia per le orecchiette offerte a pranzo, la Grecia per una superficie espositiva talmente grande da far impallidire la Cina e, per il marketing scatenato, if you don’t mind the gap, ecco che la Bulgaria is the “New” Zealand. Ne esco con l’acido lattico e le tasche piene di business card, il WTM vale il viaggio anche solo per fare networking”.