Stampa

hebara-jalel.jpgsprintours-logo.jpgJalel Hebara è un tipo tosto, forgiato da 25 anni di battaglie nell’arena dei tour operator, e come tutti gl’imprenditori tosti, non molla facilmente. Lo avevamo lasciato esattamente un anno fa, a maggio 2011, quando annunciava la liquidazione di Sprintours, una “pagina triste e amara”. Dopo la Primavera Araba del 2011, che ne aveva decretato la fine, il marchio Sprintours risorge dalle ceneri a primavera 2012, grazie a Medinvest Srl, newco di proprietà dei figli Gianluca Planamente e Marco Hebara, che ha affittato il ramo d’azienda del “vecchio” t.o. e si è insediata nei medesimi uffici di Roma Lido. Una programmazione mono-prodotto sull’amata Tunisia, solo una dozzina di persone in squadra, il ruolo di managing director per Hebara. Il suo mea culpa l’ha già fatto: “Oggi dico che probabilmente avrei dovuto fermarmi prima. Potevo agire meglio? Probabilmente sì”. Ergo, perché negargli una seconda chance?! Chi è senza peccato scagli la prima pietra.