bann blunet gen17 728 90

CHI E' ROBERTO GENTILE

rgentile-bn.jpg

L'EDITORIALE DI...

      bann_eminds160-124.gif



T.O. DEL MESE

BOTTA & RISPOSTA

IPSE DIXIT

frederic naarnaar to logoSe c’è un tour operator sensibile alla tecnologia, sin dalle origini, questo è il milanese Naar T.O., fondato dal figlio d’arte Frederic Naar nel 1995. Più di vent’anni dopo, oltre 50 milioni di fatturato, sul podio degli operatori nelle destinazioni ad alta spesa (USA, Sudafrica, Far East e Australia/Pacifico) ecco il “pensiero 2018” del fondatore.

Domanda - Come si colloca Naar T.O. in un panorama italiano dominato da un player molto grande e da meno follower di qualche anno fa? Risposta - Guardando ai mercati stranieri, in particolare a quello tedesco (dove comandano TUI, Thomas Cook e DER, ma trovano spazio una settantina di specialisti di dimensioni decisamente più piccole), credo che il mercato italiano si riallineerà su dinamiche simili. Naar è un tour operator specializzato in viaggi individuali su misura, dove la tecnologia funge da facilitatore tra la consulenza fornita dai nostri specialisti di destinazione e la richiesta sempre più personalizzata che arriva dai clienti delle agenzie. Sulle nostre medesime destinazioni operano player più orientati ai viaggi di gruppo, penso a Quality Group o a Viaggidea, ma si tratta di un prodotto sostanzialmente diverso, sia per profilo di clientela che per modalità di gestione. D - Diversi t.o. stranieri sono arrivati (o stanno arrivando) sul nostro mercato: TUI, Barcelò, Kappa Viaggi...Cosa ne pensa? R - Un lato poco conosciuto della nuova Direttiva sui Pacchetti Turistici è quello di facilitare l'internazionalizzazione delle imprese in ambito europeo, il che rende più facile per un t.o. affrontare un nuovo mercato. Sotto il profilo del prodotto, però, è tutt’altra cosa: sarà sempre più difficile competere con Alpitour sul classico pacchetto mare (Italia o estero), senza contare la difficoltà di trovare spazio nella distribuzione, alterando gli equilibri attualmente esistenti (ovvero il controllo delle reti Welcome e Geo - ndr). Fossi in loro sarei molto prudente... D - Il modello di business di Naar, nato web-based e senza catalogo, è sempre quello? E in futuro? R - Il modello è di fatto rimasto lo stesso, noi lavoriamo senza cataloghi cartacei: oggi, grazie alla tecnologia sviluppata in tutti questi anni, stiamo creando nuove funzionalità che renderanno il confine tra sito web e catalogo tradizionale ancora più fluido, per cogliere i vantaggi di entrambi. Due gli obiettivi dell’immediato futuro: migliorare diverse funzionalità del sito, la documentazione e il kit di viaggio; guardare all’estero, dove vediamo interessanti possibilità di espansione mantenendo le nostre caratteristiche di “specialista tecnologico".